Veneti Nel Mondo - BenvenutiIl Leone di San Marco


Storia Veneta

"ADDIO A PERASTO"

(Autori: Bortoluzzi ľ Di Nunzio, Compagnia dellĺAnello)

    Genti di Cattaro
    in chiesa riunite
    di Perasto le donne
    nero vestite
    amaro Ŕ il momento
    alfine arrivato
    lacrime amare
    avete versato
    corso o francese
    Dalmazia hai venduto
    lĺAustria arriva
    fra qualche minuto
    non siam mai scappati
    nŔ vinti o paurosi
    non cĺhan mai sconfitto
    tempeste o marosi
    Ti con nu, nu con Ti
    Per noi quattrocento
    gli anni passati
    fedeli ai leoni
    come angeli alati
    bandiera sepolta
    per secoli invitta
    sotto lĺaltare
    non sarÓ mai sconfitta
    e mentre a Venezia
    la feccia giacobina
    ubriaca impazza
    e diventa assassina
    noi di Perasto
    liberi e fieri
    il cuore a Venezia
    e fuoco ai velieri!
    Ti con nu, nu con Ti!

ASCOLTA on-line:

Serve il Plugin per Flash per scoltare.



PERASTO - DALMASIA - 23 DE AGOSTO DEL 1797

El 12 de majo del 1797 xe tramontÓ la Republica Veneta; so raquanti posti par˛ le popolasiˇn le xe ndÓ vanti a star fedŔli a la Republica anca inte le stimane e soi mexi che xe vegn¨ dopo.

Parlemo par exenpio de Perasto, che se trova so le bˇche de Cattaro (Dalmasia, dŔso deventÓ Montenegro), che solo inte'l 23 de agosto del 1797, el gÓ amainÓ la Veneta bandiera del Leon de San Marco.

E le parole de saludo del capitan Giuseppe Viscovich le gÓ na f˛rsa e na intensitÓ incredibile:

"In sto amaro momento, che lacera el nostr cor, in sto ultimo sfogo de amor, de fede al Veneto Serenissimo Dominio, al Gonfalon de la Serenissima Republica, ne sia de conforto, o cittadini, che la nostra condotta passata e de sti ultimi tempi, rende non solo pi¨ giusto sto atto fatal, ma virtuoso, ma doveroso par nu.
SavarÓ da nu i nostri fioi, e la storia del zorno farÓ saver a tutta l'Europa, che Perasto ha degnamente sostenudo fin a l'ultimo l'onor del Veneto Gonfalon, onorandolo co sto atto solenne, e deponendolo bagnÓ del nostro universal amarissimo pianto. Sfoghemose, cittadini, sfoghemose pur, e in sti nostri ultimi sentimenti coi quali sigilemo la nostra gloriosa carriera corsa sotto al Serenissimo Veneto Governo, rivolgemose verso sta Insegna che lo rappresenta, e su de ela sfoghemo el nostro dolor.
Par trecentosettantasette anni le nostre sostanze, el nostro sangue, le nostre vite le xe stae sempre par Ti, o San Marco; e fedelissimi sempre se avemo reputÓ Ti con nu, nu con Ti; e sempre con Ti sul mar nu semo stai illustri e vittoriosi.
Nissun con Ti ne ha visto scampar, nissun con Ti ne ha visto vinti e spaurosi!
E se i tempi presenti, infelicissimi par imprevidenza, par dissension, par arbitri illegali, par vizi offendenti la natura e el gius de le genti, non Te avesse tolto da l'Italia, par Ti in perpetuo sarave le nostre sostanze, el nostro sangue, la vita nostra e, piuttosto che vederTe vinto e desonorÓ dai toi, el coraggio nostro, la nostra fede se avarave sepelio sotto de Ti!
Ma za che altro no ne resta da far par Ti, el nostro cor sia l'onoratissima to tomba, e el pi¨ puro e el pi¨ grande to elogio le nostre lagreme!"